NEWS NORMATIVE & SCADENZA 31 MARZO 2017

D.LGS 102/2014 / RISPARMIO ENERGETICO
Le imprese soggette ad obbligo di diagnosi che hanno realizzato un audit energetico nell’anno 2015 o adottato un sistema di gestione dell’energia conforme alla ISO 50001 obbligo di comunicare all’ENEA i risparmi di energia normalizzati conseguiti rispetto all’anno precedente (articolo 7, comma 8 del d.lgs.102/2014).
La comunicazione deve essere relativa a tutti i siti, compresi quelli esclusi da obbligo di diagnosi grazie al processo di campionamento, e l’obbligo scatta se i risparmi di energia (elettrica+termica) sono superiori all’1% rispetto all’anno precedente. I risparmi da rendicontare sono tutti quelli riconducibili ad interventi di efficientamento realizzati sul ciclo produttivo e al semplice risparmio energetico derivante da qualunque modifica, eventualmente anche comportamentale e devono essere normalizzati rispetto alle condizioni climatiche, impiantistiche, funzionali.

Con le numerose notizie che il MISE ha diffuso nei mesi scorsi sono stati forniti importanti chiarimenti:

a) i consumi devono essere misurati con strumentazione e monitorati:
– per la sola prima diagnosi si possono utilizzare stime o misure indirette (ad es. le bollette);
– l’impresa che ha già condotto una diagnosi energetica (2015) entro la scadenza dei successivi 4 anni, quando va svolta la seconda diagnosi, è obbligata a realizzare un piano di monitoraggio e misura permanente per controllare i propri consumi in maniera costante.

b) solo i soggetti in possesso di professionalità, know-how e formazione specifiche, di tipo EGE (Esperto in Gestione dell’Energia), possono eseguire la diagnosi energetica.

Il piano di monitoraggio, dunque dovrà produrre i propri effetti entro al fine del 2018, affinché le imprese coinvolte possano effettuare la seconda diagnosi scadente il 5 dicembre 2019 con una serie storica completa di dati dell’anno precedente, ovvero del 2018.

PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI

La gestione di impianti fotovoltaici pone a carico dei soggetti responsabili, sia pubblici che privati, una pluralità di adempimenti fiscali\amministrativi, nei confronti di diversi soggetti istituzionali (A.E.E.G., Dogana, G.S.E., Provincia, …) e con riferimento a normative diverse (Conto Energia, Testo Unico sulle Accise, …).
adempimenti verso Agenzia delle Dogane e G.S.E.

Il D. Lgs. 504 / 1995 – “Testo Unico Accise” stabilisce diversi obblighi a carico di tutti i soggetti, pubblici e privati, responsabili della gestione di uno o più impianti fotovoltaici, di potenza superiore a 20 kWP:

  • entro il 16/12 DI OGNI ANNO, i soggetti in possesso di licenza di officina elettrica dovevano versare il diritto di licenza per l’anno SUCCESSIVO
  • entro il 31/12 DI OGNI ANNO gli stessi soggetti, in possesso di licenza di officina elettrica, devono fare la vidimazione annuale degli appositi registri di produzione;
  • entro il 31/03/2017, tutti i soggetti responsabili di impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 kWP dovranno presentare in via telematica la dichiarazione annuale di produzione e consumo di energia elettrica nell’anno 2016.
  • entro il 31/03/2017, tutti i soggetti responsabili di impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 kWP, che non operano in regime di “Scambio Sul Posto”, dovranno comunicare al G.S.E. la quantità di energia elettrica prodotta nell’anno precedente, ripartita tra fonti rinnovabili (fotovoltaico, eolico, biomasse, …) e non, mediante l’apposita applicazione informatica denominata “fuel mix”;
  • entro il 30/04/2017, tutti i soggetti, tenuti alla presentazione all’Agenzia delle Dogane della dichiarazione annuale di produzione e consumo di energia elettrica nell’anno 2016, dovranno inviare al G.S.E. la stessa Dichiarazione presentata in Dogana.

COMUNICAZIONE RLS INAIL
Il datore di lavoro o il dirigente hanno l’obbligo di comunicare in via telematica all’Inail in caso di nuova nomina o designazione, i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls) (articolo 18, lettera aa) del decreto legislativo 81/2008 così come modificato dall’articolo 13, lettera f) del d.lgs. 106/2009). 
Il servizio è fruibile online per facilitare lo specifico adempimento a carico dei datori di lavoro per unità produttiva e consente ai datori di lavoro di poter visualizzare la situazione delle comunicazioni effettuate.
https://www.inail.it/cs/internet/attivita/prevenzione-e-sicurezza/promozione-e-cultura-della-prevenzione/comunicazione-nominativo-rls.html


COMUNICAZIONE DEL MC ALLEGATO 3B
Il medico competente ha l’obbligo di trasmettere ai servizi competenti per territorio i dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria (art. 40, decreto legislativo 81/2008 e s.m.i., all. 3B). Le informazioni, elaborate evidenziando le differenze di genere, devono essere inviate esclusivamente per via telematica entro il primo trimestre dell’anno successivo a quello di riferimento.
https://www.inail.it/cs/internet/attivita/prevenzione-e-sicurezza/promozione-e-cultura-della-prevenzione/comunicazione-medico-competente.html


EMISSION TRADING: DICHIARAZIONE ANNUALE ATTIVITA’ ED EMISSIONI PRODOTTE NEL 2016
L’articolo 34, comma 2 del D.lgs. 30/2013 , come modificato dal Decreto Legislativo 2 luglio 2015, n. 111, stabilisce che i gestori degli impianti stazionari comunichino entro il 31 marzo di ogni anno le emissioni di gas ad effetto serra rilasciate in atmosfera dall’impianto da essi gestito monitorate secondo le disposizioni di cui al Regolamento 601/2012.

http://www.minambiente.it/pagina/comunicazione-delle-emissioni-di-gas-ad-effetto-serra-ai-sensi-del-dlgs-302013-gli-impianti


LAVORI USURANTI E LAVORO NOTTURNO:
ENTRO IL 31 MARZO LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE

Comunicazione annuale, relativa all?anno 2016, dei periodi nei quali ogni dipendente ha svolto lavorazioni rientranti nel concetto di lavori usuranti (art. 1, co. 1, lettere da a) a d), del D.Lgs. n. 67/2011), nonché, in caso di svolgimento di lavoro notturno, del numero dei giorni di lavoro rientranti in tale tipologia.
https://www.cliclavoro.gov.it/Aziende/Adempimenti/Pagine/Lavori-usuranti.aspx


BONIFICHE AMIANTO
Chi ha effettuato interventi di BONIFICA AMIANTO su beni e strutture produttive può presentare domanda di riconoscimento del credito di imposta pari al 50% delle spese sostenute.


CONTATTATECI SUBITO PER MAGGIORI INFORMAZIONI
Tel 059 8384118 – Mail: cresco@crescosrl.it

 

Newsletter Cres.co

Area Riservata